F.A.Q.

Fior di Rovo effettua spedizioni?

Sì. In genere le spedizioni partono tutto l’anno, ma in caso di particolari condizioni climatiche (ad esempio, nel pieno dell’estate) o di festività particolari (specialmente nel periodo natalizio) possono essere sospese per evitare ritardi eccessivi e danni alle piante. Il corriere utilizzato è SDA. Il costo della spedizione è quello applicato dal corriere, Fior di Rovo non effettua alcun tipo di ricarico sulla spedizione pertanto non è possibile ‘negoziare’ sul prezzo di spedizione. I pagamenti si possono effettuare con Paypal, Satispay o bonifico. Le spese di imballaggio e consegna dipendono da peso e volume del pacco, e in media si aggirano intorno ai 15-25 euro a seconda delle dimensioni delle piante spedite.

Le spedizioni partono solitamente ad inizio settimana, dal Lunedì al Mercoledì, e vengono consegnate nel giro di 24/48 ore.

Perché non vedo i prezzi delle piante sul sito?

Fior di Rovo è un vivaio molto piccolo, ma la varietà di piante coltivate è considerevole, e le piante si trovano a diversi stadi di crescita. Pertanto non essendo sempre disponibili in vaso di dimensioni standard, aggiornare costantemente un catalogo online richiederebbe troppo tempo, che preferisco dedicare alla coltivazione! Per conoscere i costi delle piante e verificarne la disponibilità, basta inviare una mail a info@fiordirovo.com

Quali sono le dimensioni dei vasi delle piante spedite?

In genere coltivo le piante in vasi abbastanza grandi, ma come ho già spiegato le dimensioni dei vasi possono variare nel corso della stagione: per dare un’idea generale, le rose sono coltivate in vasi rosaio da 22 cm. in su, le ortensie e hydrangee da 22-24 cm. in su, le perenni da 16-18 cm. in su, le peonie da 22-24 cm. in su. Certamente l’utilizzo di grandi vasi incide sul costo di spedizione perché il volume e il peso dei pacchi aumenta, ma le piante si presentano già ben accestite e vigorose.

Fior di Rovo organizza corsi di formazione?

Sì, ogni anno il vivaio organizza corsi di formazione su temi specifici, spesso inerenti alle rose (ad esempio corsi di potatura e progettazione con le rose) e alle piante perenni compagne, ma non solo! Le iniziative hanno luogo solitamente in forma di webinar nel periodo invernale, sono aperti sia ad appassionati che professionisti, in ogni caso tutte le novità vengono pubblicizzate sulla pagina facebook e instagram del vivaio, perciò vi invito a seguirle per non perderne neanche una!

Perché il vivaio è aperto solo il sabato e su appuntamento?

Fior di Rovo realizza giardini e collabora con giardinieri e garden designer locali, e dunque in settimana spesso non sono in sede per sopralluoghi e lavori sul campo, ma non solo: dedico la maggior parte del tempo disponibile alla coltivazione, per questo motivo il vivaio è aperto in settimana solo su appuntamento, altrimenti il sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Prendere appuntamento è semplice, basta chiamare o mandare un whatsapp al 348-5144184, e consente anche di essere certi di avere un lasso di tempo dedicato nel quale ricevere una consulenza personalizzata, per capire se le piante desiderate siano adatte alle condizioni del proprio giardino e al tempo che si può dedicare alla loro cura.

Fior di Rovo realizza terrazze e giardini/ manutenzioni?

Certamente! Dallo scorso anno abbiamo stretto una proficua collaborazione con Paolo Astrua di Filosofia Vegetale, con il quale condividiamo la passione per il giardino naturale e le piante che presentano svariati motivi di interesse (fiori ma anche foglie, portamenti, ecc.). Siamo dunque disponibili a effettuare sopralluoghi per la creazione di nuovi giardini o l’implementazione di quelli ‘datati’, con un occhio di riguardo alla storia dei luoghi, che non va sempre ‘azzerata’, ma recuperata in chiave moderna. Ho anche contatti con numerosi giardinieri della zona, in grado di offrire servizi di manutenzione a terrazzi e giardini di ogni dimensione, dal piccolo balconcino al grande parco!

Riguardo alle rose, sono coltivate da talea o da innesto?

Le rose prodotte in vivaio sono tutte da talea, ma per ampliare l’offerta – dal momento che coltivo la maggior parte delle piante da sola – collaboro con altri vivai di qualità che mi forniscono piante da innesto. Pur avendo una leggera preferenza per le piante da talea, non sono una purista, e penso che l’importante sia la qualità della pianta, e la cura nell’impianto e nella coltivazione. Il catalogo cambia ogni anno, tra i criteri che guidano la mia selezione non c’è solo la bellezza del fiore, ma il portamento generale della pianta, delle foglie, delle bacche, e soprattutto la rusticità e la resistenza alle malattie. Coltivo tutte le piante, rose comprese, senza utilizzare fitofarmaci, e dunque, dopo averle testate, scarto quelle varietà che non mostrano una spiccata resistenza ai principali patogeni delle rose: il giardino naturale deve favorire la biodiversità, non essere un ricettacolo di veleni… per le piante che ci vivono, gli animali che lo abitano e anche per la nostra salute!